etica

7 su 10 vogliono essere imprenditori…

Squadra che vince non si cambia?

La prospettiva dei giovani viene ancora una volta confermata: moltissimi di loro – 7 su 10 in questo caso – vogliono diventare imprenditori, non solo ottimi professionisti.

Per esserlo si mettono in gioco nei percorsi formativi che sono offerti dalle scuole professionali: in Castalimenti, dove è stata scattata la foto, o altrove in altre parti d’Italia, la prospettiva è appunto quella di costruire il professionista e l’imprenditore in grado di confrontarsi con il mercato, sia nazionale che internazionale. Continua a leggere...

Perche’ siete qui?

La Strategia Eccellente

Già, lo chiedo sempre ai partecipanti dei miei corsi o, come in questo caso, dell’evento RDRLIVE che si è tenuto a Pasian di Prato a Udine presso la Crespi forniture martedì 18 settembre.

La presentazione era organizzata dall’Associazione Etica del Gusto, un gruppo di oltre 35 “Artigiani del Gusto” che da anni si fanno promotori della qualità, sia nella fase di produzione che in quella del servizio e della vendita. Continua a leggere...

LA COLLABORAZIONE CON LA RIVISTA IL PANIFICATORE ITALIANO

La Strategia Eccellente

La notizia è questa: la prestigiosa rivista Il Panificatore Italiano da settembre inizia la collaborazione con la Ricetta delle ricette e con il sottoscritto.

Cosa vuol dire? Certamente che possiamo avere uno scambio di opinioni e di autorevoli punti di vista con quegli Artigiani del gusto che tutti i giorni si occupano di creare il pane. Già perché il pane è proprio un’arte, e se mi permettete una nobile arte. Continua a leggere...

IL CONTO DELLA SERVA… PER FARE SOLDI!

Squadra che vince non si cambia?

Sai perché si dice “il conto della serva”? Perché le serve avevano sempre pochi soldi, quindi contavano anche i centesimi: anche pochi centesimi potevano fare la differenza. Inoltre, specialmente qualche decennio fa, chi aveva un certo status sociale, per mostrare il proprio rango, doveva ostentare disinteresse per i prezzi e i soldi in generale, quindi non si sarebbero mai messi a fare i conti sui centesimi. L’espressione infatti ha ancora oggi una certa connotazione negativa, sebbene ormai molto mitigata. Continua a leggere...

0